Feed RSS

Archivi categoria: VocaBolaRio

SISTEMA NERVOSO METASIMPATICO

Inserito il

Tra intestino e cervello esiste un collegamento strettissimo, primariamente per una ragione: nell’intestino si trova una rete nervosa molto complessa composta da oltre cento milioni di neuroni che gestiscono le attività intestinali e che si collegano al cervello tramite il sistema nervoso vegetativo. Questa rete nervosa intestinale, per le sue dimensioni e per le sue modalità di funzionamento e stata più recentemente denominata “secondo cervello”. Questo secondo cervello si trova nella parete dell’intestino ed è costituito da due plessi di tessuto nervoso.

Il primo a parlare dell’esistenza di un “cervello nella pancia” è stato il neurobiologo Michael D.Gershon nel 1998 quando ha pubblicato il risultato di 30 anni di ricerche nel libro “Il secondo cervello”. In meno di un decennio si è affermata l’idea che l’intestino è un organo “intelligente” con capacità di associazione e coordinazione proprie e le ricerche condotte hanno caratterizzato sia morfologicamente che funzionalmente alcuni dei neuroni presenti nella parete intestinale. Autonomia di funzionamento non vuol dire però che il cervello entertico sia completamente autarchico: la relazione tra i due cervelli prosegue senza sosta in entrambe le direzioni.

Annunci

BUT CHE COS’EST?

Inserito il

Il laboratorio è rivolto a 6 attori e 6 danzatori professionisti. Si lavorerà intorno alle anomalie motorie causate dalle psicopatologie e neuropatologie. Il laboratorio si propone di condividere una modalità compositiva basata sullo sviluppo di un linguaggio comune al gruppo di lavoro. Il movimento, il suono e (forse) le parole sono nuclei elementari che, codificati e ripetibili, permettono di costruire “frasi” e “periodi” più complessi. L’improvvisazione interviene per riempire, attraverso l’istinto, gli spazi vuoti di una griglia compositiva; il ponte che, attraverso l’ascolto dell’altro, è necessario costruire affinché il “discorso” possa andare avanti. Il laboratorio rappresenta la prima tappa di un nuovo percorso di ricerca su gli “Idioti”.Come ci relazioniamo con le persone affette da patologie mentali che hanno una diretta manifestazione motoria? E’ legittimo rappresentare la malattia in ambito performativo? Le risposte a queste domande sono complesse e saranno parte dell’oggetto di ricerca del laboratorio. Un punto di riferimento sarà la visione condivisadel film “Idioti” di Lars von Treir. La seconda tappa di questa ricerca è una residenza che si svolgerà a Lisbona nel mese di Aprile. Le successive sono in via di definizione

INVOLONTARI INCONSAPEVOLI – CONCEPTOS GRUNDLEGENDEN

Inserito il

Involontari Inconsapevoli/Inconsciente Involuntario/involuntary unconscious

i movimenti che emergono sul corpo indipendentemente da una diretta volontà o legame alla situazione. si tratta di comportamenti motori che ci caratterizzano e che si stratificano nei nostri piani d’ascolto o nelle manifestazioni affettive sul nostro corpo.

SPASMO – CONCEPTOS GRUNDLEGENDEN

Inserito il

Spasmo/Spasm/Espasmo

Lo spasmo è una contrazione improvvisa e involontaria di un muscolo (o un gruppo di muscoli), di un organo cavo o di un orifizio. È a volte accompagnato da un repentino “scoppio” di dolore ma di solito è innocuo e cessa dopo pochi minuti. La contrazione spasmodica dei muscoli può essere dovuta a un gran numero di condizioni mediche, tra cui la distonia.

Per estensione uno spasmo è un’improvvisa e temporanea esplosione di energia, attività o emozioni.

ECOLALIA – CONCEPTOS GRUNDLEGENDEN

Inserito il

Ecolalia/Echolalie/Echolalia

L’ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un’eco, parole o frasi pronunciate da altre persone.

Il disturbo è presente fino al 75% nelle diagnosi di autismo, ma è anche presente nella Sindrome di Tourette, nella schizofrenia e, occasionalmente, in altre forme di psicopatologia. Quando il fenomeno si presenta involontariamente è considerato un tic.

È caratteristico dei neonati, che tendono ad apprendere i vocaboli per imitazione.

L’ecolalia può essere differita, ovvero la riproposizione dei vocaboli può non avvenire immediatamente, ma proporsi a distanza di tempo dall’ascolto. Anche questa forma è caratteristica delle persone affette da sindrome autistica, e si manifesta per esempio con la reiterazione di jingle televisivi.

Non è ancora stato chiarito se i due tipi di ecolalia siano manifestazioni di un unico disturbo o invece si tratti di fenomeni distinti.

SINESTESIA – CONCEPTOS GRUNDLEGENDEN

Inserito il

Sinestesia/Sinestezio/Synasthesie

La sinestesia è un fenomeno sensoriale/percettivo, che indica una “contaminazione” dei sensi e della percezione.

Con il termine “sinestesia” si fa riferimento a quelle situazioni in cui una stimolazione uditivaolfattivatattile o visiva è percepita come due eventi sensoriali distinti ma conviventi.

Nella sua forma più blanda è presente in molti individui, basti pensare alle situazioni in cui il contatto o la presenza di un odore o di un sapore evoca un’altra reazione sensoriale (la vista della frutta che è percepita anche come sapore), ed è spesso dovuta al fatto che i nostri sensi, pur essendo autonomi, non agiscono in maniera del tutto distaccata dagli altri.

Più indicativo di un’effettiva presenza di sinestesia è il caso in cui il per
cepire uno stimolo (come ad esempio il suono) provoca una reazione netta e propria di un altro senso (ad esempio la vista). Per “forma pura” si intende la sinestesia che si manifesta automaticamente come fenomeno percettivo e non cognitivo. Il fenomeno è volontario al punto che il sinesteta puro, vedendo i suoni e sentendo i colori, può riuscire a trarre vantaggio da queste contaminazioni sensoriali. Si presenta a volte in concomitanza con altre affezioni come l’allochiria (confusione della mano destra con la sinistra), scarso senso dell’orientamentodislessia, deficit dell’attenzione e, scarsamente, autismo.