Feed RSS

Archivi tag: paola michelini

IL NINTH JOUR: UNE FORMA OF ASKING FOR IDIOTI

Inserito il

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

EL OITAVO #2 GIORNO: UN WAY POR SIENTE IDIOTI

Inserito il

Questo slideshow richiede JavaScript.

SUONI E VOCI

Inserito il

Noi chiamiamo suoni quelli che ingaggiano parte dell’apparato fonatorio e permettono la rappresentazione di materiali sonori

Noi chiamiamo voci (al plurale) quei suoni che ingaggiano le corde vocali e permettono di attraversare sia suoni linguistici che pre linguistici
Questo è solo il modo in cui noi li chiamiamo

IL SETIMO #2 DIA: A WAY PER DIZER IDIOTI

Inserito il

Questo slideshow richiede JavaScript.

SISTEMA NERVOSO METASIMPATICO

Inserito il

Tra intestino e cervello esiste un collegamento strettissimo, primariamente per una ragione: nell’intestino si trova una rete nervosa molto complessa composta da oltre cento milioni di neuroni che gestiscono le attività intestinali e che si collegano al cervello tramite il sistema nervoso vegetativo. Questa rete nervosa intestinale, per le sue dimensioni e per le sue modalità di funzionamento e stata più recentemente denominata “secondo cervello”. Questo secondo cervello si trova nella parete dell’intestino ed è costituito da due plessi di tessuto nervoso.

Il primo a parlare dell’esistenza di un “cervello nella pancia” è stato il neurobiologo Michael D.Gershon nel 1998 quando ha pubblicato il risultato di 30 anni di ricerche nel libro “Il secondo cervello”. In meno di un decennio si è affermata l’idea che l’intestino è un organo “intelligente” con capacità di associazione e coordinazione proprie e le ricerche condotte hanno caratterizzato sia morfologicamente che funzionalmente alcuni dei neuroni presenti nella parete intestinale. Autonomia di funzionamento non vuol dire però che il cervello entertico sia completamente autarchico: la relazione tra i due cervelli prosegue senza sosta in entrambe le direzioni.

GLI IDIOTS LAND IN LISBOA

Inserito il

Gurshad Shaheman

Inserito il

So he was there with his big smile, looking at you with his “sono molto gentile” look, “I don’t want
you any harm” Then with his molto dolce voice, he ask you “now take off your underwears”. You
couldn’t say no. Everyone took off their clothes one by one. So you do like your partners.
Than you are naked with all the others and you knew that the worst was about to come.
“you gonna do the autistic-asmathic-epileptic caracters whome you worked on yesterday and make
them grow with Gilles de la Tourette symptoms”.
And we all (gest) on se convultionnait, smashed our heads against the walls, yelled and cried

and rolled on the floor for hours while his 2 assistens were taking pictures. That was Benedetto’s
conception of art. And as an idiot I tought this was the way to reach the light, my salvation.
Anytime when we finished the improvvisation exhausted, sweeting and bleeding he just said: “ok
guys, this is your level 0, now we gonna take it to level 10.”.

− Benedetto, could I at least wear my underwear?

− No Gurshad. Covering your body is covering your soul.

And an actor must let the audience read deap in his soul. Learn to be an open vagina.

Lama saved me. We are married now. I met her just few days after she arrived in Paris for her
studied. I was just a shity, gipsy, arty, fucking idiot. She opened my eyes on all that crap. She asked
me if I belive in God and as a perfect brain-washed Benedetto’s actor I laught: “No, I don’t belive”
she looked at me with her dark eyes, beautiful vail, and said with compassion: “it must be terrible
to be empty like you.” and that’s true. I was empty. She showed me the way to the light ang got me
converted to Islam. We got married and moved to Syria, her homeland. She saved my soul. Now i
know that showing. any small part of my skin is giving a part of my soul to the devil.
La ila ha il Allah.
Mohammad Al Rassoul Allah